domenica 25 settembre 2016

New Review | PRE-COG IN THE BUNKER "Pre-Cog in the Bunker"


Voto
01. Pre-Cog in the Bunker
02. No Size Girl
03. Crime Scene Cleaner
04. Dissolvences
05. In My Time of Dying
06. Drones
07. The Burning Land
08. To Berlin

Autoprodotto
2015
Website

PRE-COG IN THE BUNKER - "Pre-Cog in the Bunker"

Antonello e Miriam sono una coppia nella vita e nella musica. Sicuramente quando si guardano negli occhi si capiscono al volo. Così come quando suonano gli strumenti: si capiscono al volo. Con il moniker di Pre-Cog in the Bunker hanno pubblicato un bel disco di otto pezzi (che non supera la mezzora di musica, nella tradizione old school di fallo bene e fallo in fretta) di chitarra, batteria e due voci. È bene dichiararlo subito: fanno un casino della madonna. Ma non solo.

"No Size Girl" è squisita nella linea melodica e nel ritornello cantato insieme. Vengono in mente molti duo nella tradizione del rock, partendo da The Kills e Black Keys ed arrivando pian piano alle nostre Motorama. Ma sembra che il concetto di "band simile a" stia abbastanza stretto ai nostri. Vuoi perché decenni di ascolti hanno influenzato il songwriting di Antonello in maniera così radicale che i timbri possono essere scanzonati ("Dissolvences", "Drones"), noir ("Crime Scene Cleaner", "The Burning Land") o hard/punk (la titletrack, "To Berlin"); vuoi perché Miriam suona la batteria talmente divertita e di pancia che i Pre-Cog in the Bunker costituiscono un universo a parte, un piccolo miracolo.
C'è una genuinità e una trasparenza che ci fa innamorare di loro. Chiamateli a suonare nei vostri club. Vi troverete subito a contatto con persone di cuore.



Eugenio Di Giacomantonio

Nessun commento:

Posta un commento