giovedì 29 ottobre 2015

New Review | SUN RIDER "Fuzz Mountain"


 

Voto
01. Heart of the Sun
02. High Priestess of the Moon
03. Sun Worshipper
04. Free Ride
05. Deep Space Blues
06. Roadking
07. Escape to Fuzz Mountain

Electric Valley Records
2014
Website

SUN RIDER - "Fuzz Mountain"

I Sun Rider da Dordrecht, Olanda, sono un perfetto e riuscito connubio tra l'heavy metal psichedelico degli Orange Goblin e il songwriting Seventies di gruppi come Radio Moscow, Blues Pills e gli ormai defunti Prisma Circus. I sette pezzi di questo "Fuzz Mountain" macinano riff su riff senza cedimenti. Hanno un qualcosa di classico che potrebbe riportare alla mente (e ai gradimenti diffusi) Wolfmother e Rival Sons, se non fosse per l'ugola infuocata di mr. Philippo (!) che con ferocia non fa concessioni alla melodia. I primi tre pezzi sono letteralmente infuocati.

Avete presente la mina che vi è scoppiata in testa al primo ascolto di "Frequencies from Planet Ten"? Bene, i Sun Rider riescono a riproporci la stessa magia. E con "High Priestess of the Moon" ritroviamo un calore ZZ Top a grana fine. Le corde si allentano verso "Deep Space Blues" che, come suggerisce il titolo stesso, è un viaggio al termine dell'universo in bassa battuta. Il finale di "Roadking" e "Escape to Fuzz Mountain" prevede l'ultimo sprazzo di urla ferine e il rituale magico dell'abbandono. Sitar e incenso introducono l'ultima galoppata in perfetto stile chitarristico di Josh Homme e il rito acclamatorio verso la fuzz mountain è concluso. Forse è un po' esagerato ma è coerente che, come dicono le loro note introduttive, Sun Rider actually brings something new to the table.



Eugenio Di Giacomantonio

Nessun commento:

Posta un commento